Travel Planning Routine – come organizzare viaggi fai da te

Travel Planning Routine – come organizzare viaggi fai da te

Progetto setravel planning routine

Organizzare un viaggio ai giorni nostri, con la tecnologia che abbiamo a portata di mano è molto più semplice che in passato. Attraverso i motori di ricerca possiamo confrontare i diversi prezzi dei voli delle compagnie aeree, affrontare la scelta dell’alloggio in maniera sicura e pratica, in questo modo possiamo avere un quadro complessivo del rapporto qualità prezzo direttamente davanti ai nostri occhi e decidere che tipo di vacanza affrontare senza sorprese, in questo post voglio raccontarvi la mia  Travel Planning Routine e dovrete armarvi di buona volontá, e tanta tanta pazienza.

Cosa occorre

  • Connessione ad internet
  • Quaderno e penna  (che diventerà il nostro quaderno di viaggio)
  • Tanta pazienza

La pazienza é fondamentale, quando si programmano vacanze fai da te, per aspettare l’occasione giusta, il prezzo più vicino al vostro budget, dovrete armarvi di tanta tanta pazienza ed essere costanti.

Non mi sono mai rivolta ad un agenzia di viaggio, ho sempre fatto tutto da me, molte volte avendo un budget limitato é la miglior soluzione, soluzione che mi ha permesso di capire ancora di piû come funzionano gli altri paesi, e il muoversi all interno delle cittá veniva ancora più semplice. Leggo un’infinità di articoli su travel blog, riviste e cerco informazioni sui forum.  In questa fase di lettura cerco di capire cosa vedere, quali sono le tradizioni popolari del luogo, il cibo da provare, le attivitá da fare, ma soprattutto cosa escludere dal mio itinerario.

Che ruolo gioca il Budget ?

Segno una cifra ipotetica complessiva, che inquadrerá il costo del viaggio intero. Questo ci aiuterà a non sforare e mantenere le spese contenute, in genere tendo a gonfiarlo di 100/200 Euro in più perché non si sa mai, le spese affrontate durante i viaggi sono sempre una sorpresa.

Fattori di spesa da tenere in considerazione:

  • Voli/nave
  • Trasporto da e per aereoporto
  • Hotel/appartmento
  • Trasporti pubblici/biglietti giornalieri
  • Ticket musei
  • Pranzo/cena
  • Uscite notturne
  • Souvenirs

Partiamo dal primo punto, Volo.

Le mie ricerche iniziano  con la ricerca del Volo, capire se una meta é fattibile lo capisco dal costo del volo, in base a quello decido, i giorni di vacanza e la meta finale. Qua dovrete essere costanti e seguire giorno per giorno l andamento della vostra tratta, annotare sul quaderno i vari cambiamenti nel prezzo, e soprattutto non fermatevi solo ad un portale di ricerca ma esploratene diversi, vi metto il link dei portali che uso piú frequentemente.

Segnate sul vostro quaderno di viaggio tutte le variazioni dei prezzi e quando il prezzo vi convincerà di più, compratelo. Non acquisto il posto per il bagaglio, parto sempre con uno zaino semplice ma dove ci sta tutto il necessario, tengo nel quaderno dei viaggi la mia Checklist per evitare di dimenticare qualcosa.Checklist- cosa mettere in valigia.

Aquisizione delle informazioni

Itinerario -Food – Attività – Vita notturna

Una volta decisa la meta, inizio ad informarmi e leggere i più svariati articoli che riguardano il luogo. Mi interesso in primis delle tappe più importanti che non devono assolutamente mancare, che attività poter fare e ultimo ma non per importanza, le specialità culinarie tipiche del posto. Importanti sono anche le informazioni sul come arrivare in città dall’aereoporto e sul come tornarci al momento del rientro, con tanto di tariffe A/R, in questo modo ho sempre sotto controllo il budget. Segno su un foglio il prezzo di ingresso dei musei o delle tappe che prevedono il pagamento di un ticket, alcune volte fanno degli sconti per chi acquista direttamente online, controllate bene.

Inizio a creare un mio itinerario per evitare di perder tempo una volta arrivata a destinazione, certo, una volta sul posto mi lascio guidare dal momento, è molto probabile che qualcos altro, qualche altra tappa non in programma, attiri l’attenzione e il più delle volte non si segue proprio alla lettera, ma ci aiuta ad avere uno schema chiaro davanti agli occhi.

Punto sul conoscere dei posti nuovi, posti carini tradizionali , ma per sicurezza, appunto sempre sul mio quaderno di viaggio due ristoranti consigliati online da travelblogger, e due posti dove andare la sera, in questo modo so dove posso trovare con sicurezza dei veri e propri ristoranti di cucina tipica del luogo e non dei fake ristoranti tipici, e dei luoghi carini dove passare la sera.

Dove dormire ?

Quando arriva il momento di cercare l’alloggio, il fattore che tengo maggiormente in considerazione è il quartiere, in base alle informazioni che ho raccolto mi faccio un idea di che percorso fare e in che zona sarebbe logisticamente pratico dormire, in modo da ridurre spese in mezzi pubblici e tempo prezioso. Prediligo i viaggi a zaino in spalla e camminare piuttosto che muovermi sui mezzi pubblici ( a meno che non sia proprio necessario), ragion per cui la maggior parte dei miei itinerari prevedono il percorso della città a piedi.

Attraverso i canali di prenotazione online possiamo decidere, a che distanza dal centro stare, che tipo di camera preferiamo, che tipo di attività il gestore offre, insomma, abbiamo l’imbarazzo della scelta sul dove dormire. I canali che utilizzo più spesso sono differenti, certo ne prediligo uno in particolare che è il sito di Booking, non manca però “just in case” un controllo degli altri motori di ricerca: Trivago , Bed-and-Breakfast (solo per l’Italia).

Dopo aver annotato tutto sul mio quaderno di viaggio sono pronta per la nuova partenza. Buon Viaggio a tutti.

M.P. Feel Easy Way

 

 

 

 

 

 

 

M.P. Feel easy way

Questo blog racconta di viaggi, itinerari pazzeschi, manie di organizzazione e stile di vita. Viaggiare leggeri è la parola d'ordine!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: