Dormire in un alloggio Ryokan – esperienza giapponese da non perdere

Dormire in un alloggio Ryokan – esperienza giapponese da non perdere

Una delle esperienze più interessanti da provare in Giappone è senza dubbio il dormire in un alloggio Ryokan. Il Ryokan per chi non lo sapesse, è un albergo tradizionale Giapponese il cui stile è rimasto immutato (in parte o del tutto) nel tempo. Si ritiene che questo tipo di struttura risalga all’epoca Edo (1603-1868). La città di Kyoto ed altre città del Giappone, pullulano di sistemazioni alberghiere o Bed and Brekfast di questo tipo, attirano gran parte dei turisti che vogliono vivere a 360 gradi all’interno della cultura nipponica, non c’è miglior modo per farlo e vi spiego subito il perchè.

Cosa aspettarsi in un Ryokan
L’ Atmosfera all’interno di un ryokan incoraggia la riflessione e il relax. Si ha la sensazione di essere catapultati in un’altra epoca, è suggestivo, e vivere all’interno del Ryokan ti fa sentire vicino alla cultura Giapponese, impari i loro usi e costumi del passato e del presente. I Giapponesi sono un popolo molto rispettoso delle regole e soprattutto degli altri esseri umani, si dovrebbe mantenere sempre bassi i livelli di voce in ogni momento, per rispetto degli altri ospiti,, e cosa da non sottovalutare non dovresti parlare al cellulare negli spazi pubblici o in condivisione (dovresti, infatti, cercare di farne a meno, mettere il silenzioso o spegnere direttamente il tuo telefonino durante il soggiorno), basti pensare che anche all’interno della metro o sul treno è vietato parlare al telefonino o parlare con un tono di voce alto o moderato, come ho scritto poche righe più in alto, il rispetto è alla base di tutto in Giappone. Si potrebbe pensare ad una struttura Ryokan come ad un centro benessere o un rifugio. AAAH una chicca per voi, in tutti gli alloggi Ryokan è vietato entrare con le scarpe, all’ingresso della struttura, troverete un apposito armadietto in comune con gli altri ospiti dove potrete lasciare le vostre scarpe e usufruire delle pantofole che verranno fornite dallo staff della struttura.

Per quanto riguarda gli orari di Check-in / Check-out sono simili a quelli di un hotel (check-in intorno alle 15.00 e check-out intorno alle 11.00).

C’è così tanto da esplorare e apprezzare quando si alloggia in un Ryokan; godersi i giardini curati, assaporare i pasti preparati con cura, fare uno o più bagni termali e bere un thè giapponese in relax nella propria camera o nelle aree in condivisione. Potrebbe essere una buona idea pianificare il soggiorno per almeno due notti se non di più in modo da potersi godere in pieno quello che l’alloggio ha da offrire, dato che comunque non è un’esperienza di tutti i giorni (aimè, ci tornerei anche adesso in questo momento).

Ma adesso arriviamo al punto più curioso e forse non per tutti, cosa aspettarsi all’interno di una camera Ryokan ?

71963666_435277007338922_8709877094248611840_n

Per prima cosa, non cercare letti quando entri nella tua stanza Ryokan, perché non ce ne sono. Se volete letti con materassi soffici e morbidosi, potete anche depennare l’esperienza Ryokan dalla vostra lista di viaggio, forse questa è stata la parte più ardua per me, la maggior parte dei ryokan ti farà dormire sul pavimento, cioè su materassi futon, ce ne sono di diverse qualità quello capitato a noi sicuramente non era della migliore, perchè sono stati dei rigidi risvegli. Le persone che hanno una mobilità ridotta dovrebbero informarsi per sistemazioni che offrono letti in stile occidentale, sono attrezzati anche per queste evenienze. Stesso discorso lo possiamo fare per il bagno, nella maggior parte dei Ryokan i bagni sono in condivisione poichè nel classico alloggio Ryokan i bagni sono addirittura esterni alla casa principale, quindi se siete come me e volete il vostro bagno privato, tutto per voi, potete informarvi e controllare bene prima della prenotazione che la vostra camera abbia il bagno privato,  Le stanze sono minimaliste hanno giusto lo stretto necessario, un armadio semplice, un tavolino basso con sedie raso terra o semplicemente dei cuscini a mò di sedia.

Le altre aree in comune sono altrettanto minimaliste, potrai gustarti un thè tipico giapponese nelle famose sale da thè, dove avviene la preparazione della bevanda con un preciso ed elegante cerimoniale.

Una perla degli alloggi Ryokan sono i bagni termali – gli Onsen-.

71968512_990996534582542_989477872777297920_n

I bagni pieni di acqua termale naturale sono un grande richiamo del ryokan. Si dice che i benifici del bagno nell’acqua termale siano numerosi,  dallo stimolare la circolazione alle funzioni curative (se l’acqua contiene determinati minerali). In Giappone gli Onsen sono ovunque i giapponesi sono stati entusiasti bagnanti delle terme per centinaia di anni. Ma bisogna seguire delle regole, l’etichetta riguardante il bagno in un Onsen può sorprendere o addirittura sconcertare i visitatori occidentali. In breve:

  • Bisogna lavarsi prima di accedere ai bagni termali. I bagni sono condivisi, quindi devono rimanere puliti. Lo spogliatoio Onsen presenta sempre una zona doccia con sapone e shampoo. Ricordarsi di risciaquarsi bene e completamente dopo aver usato il sapone o lo shampoo.
  • Bisogna essere consapevoli del fatto che farete il bagno nudi, completamente nudi, e ci sono alte probabilità che lo farai con estranei. I costumi da bagno sono vietati. Puoi usare un asciugamano per coprirti fino a quando non raggiungerete il bagno. Questa è di solito la cosa che rende gli occidentali più a disagio. Se non ti senti a tuo agio con l’idea di immergerti con gli estranei, cerca un Ryokan che abbia anche bagni termali privati, in questo modo avrai il totale relax con la tua privacy.
  • Informati sulla politica dei tatuaggi. In Giappone, i tatuaggi sono spesso associati al crimine organizzato, ai visitatori che ne posseggono può essere vietato l’uso di bagni condivisi. Può sembrare discriminatorio, ma è meglio essere informati.
  • Ricorda che i bagni termali sono molto caldi. L’acqua di un Onsen è davvero, davvero calda. L’acqua può naturalmente raggiungere i 100 gradi C , quindi ci si dovrebbe immergere solo per brevi periodi di tempo. Non potevo sopportare di rimanere più di un paio di minuti.
  • Importante : Se hai problemi di salute o condizioni che potrebbero rendere pericoloso fare il bagno in acque cosi calde, stai lontano dall’onsen.
  • Comportarsi come persona civile. Non fare il bagno ubriaco. Non fare foto. Non urlare o correre nei bagni. In poche parole, non comportarsi come il solito turista che non rispetta i luoghi in cui si trova, i giapponesi sono un popolo davvero rispettoso ed è giusto dare altrettanto rispetto.

In conclusione, se sei abbastanza fortunato da viaggiare in Giappone, penso dovresti fare spazio nel tuo pragramma per prenotare in un alloggio Ryokan. È un modo unico di sperimentare rituali tradizionali giapponesi, godere della quieta bellezza dell’architettura giapponese e immergerti in tutto ciò che rende la cultura giapponese così ricca e unica. 

72110168_3054990701237464_7163207487754076160_n (1)Se hai bisogno di più informazioni sul Giappone qui trovi:

Buon Viaggio a tutti.

M.P. Feel Easy Way

M.P. Feel easy way

Questo blog racconta di viaggi, itinerari pazzeschi, manie di organizzazione e stile di vita. Viaggiare leggeri è la parola d'ordine!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: